logo-mini

Sei sicuro/a di voler uscire dal feed?

Esci

Ops... Qualcosa è andato storto!

La mia Irlanda

Sei in cerca di ispirazione? Stai organizzando un viaggio? O desideri semplicemente vedere qualcosa di bello? Ti mostreremo un'Irlanda su misura per te.

  • #paesaggi
  • #CulturaEPatrimonio
  • #AttivitàAll'Aperto
  • #LuoghiStorici
MyICallOut_FindTheThings_EN_Desk_Above-Left MyICallOut_FindTheThings_EN_Desk_Above-Left

Ops... nessuna connessione a Internet

Puoi aggiungere voci alla tua bacheca anche mentre sei offline. I nuovi consigli di viaggio verranno visualizzati solo quando tornerai online.

    Scopri cosa l'Irlanda ha in serbo per te

    Ops... nessuna connessione a Internet

    Puoi aggiungere voci alla tua bacheca anche mentre sei offline. I nuovi consigli di viaggio verranno visualizzati solo quando tornerai online.

    La mia bacheca

    Dimmi di più

    Le voci prive di una collocazione fisica non compaiono nella vista mappa.

    Sembra che la tua bacheca sia vuota

    Cerca l'icona del cuoricino su ireland.com. Tocca il cuore per aggiungere voci al tuo pannello!

    Emptyboard Emptyboard

    Impostazioni della bacheca

    Immagine di copertina per la raccolta

    Visibile alle persone con cui decidi di condividere la tua bacheca

    Nessuna immagine

    4281269753d44064af485ff31a51d5a3
    board-settings-sample-image-1
    board-settings-sample-image-2
    board-settings-sample-image-3
    board-settings-sample-image-4
    board-settings-sample-image-5
    board-settings-sample-image-6
    board-settings-sample-image-7
    enniscrone, county sligo enniscrone, county sligo

    Il mare, le alghe e la contea di Sligo

    Nella contea di Sligo e lungo la Wild Atlantic Way sta avendo luogo una tranquilla rivoluzione. Dalle case termali ai bagni caldi, la cultura irlandese delle alghe è in costante evoluzione. Aoife Carrigy si immerge

    • #WildAtlanticWay
    • #CulturaEPatrimonio
    • #SpaEBenessere
    Aoife Carrigy | Immagini di Gareth McCormack
    Wild Atlantic Way
    Wild Atlantic Way
    • #WildAtlanticWay
    • #CulturaEPatrimonio
    • #SpaEBenessere

    Stanno praticando il surf sulla spiaggia di Enniscrone quando mi fermo accanto a una casa termale con tetto piatto che si affaccia sul litorale, alle cui spalle si stendono dune dorate fin dove spazia lo sguardo. Sono qui per incontrare Edward Kilcullen, che gestisce i Kilcullen Seaweed Baths con l'aiuto di suo figlio, Cain. "Sta facendo surf al momento", mi dice Edward.

    Osservando le onde che si infrangono al largo della vasta costa atlantica, è facile capire perché questo bellissimo luogo a sudovest di Sligo   sia stato uno dei resort marini vittoriani più amati d'Irlanda. Nel XIX secolo Enniscrone divenne popolare quando la gente iniziò ad apprezzare i benefici del nuoto in mare e a ricercare il bagno di alghe.

    enniscrone, county sligo enniscrone, county sligo

    Enniscrone, contea di Sligo © Shutterstock

    Una tradizione di famiglia

    Edward gode di un vantaggio unico nella tradizione storica delle alghe in continua evoluzione, e nella tradizione di balneazione che ne è il fulcro. Dalla sua posizione nell'albero genealogico, può andare indietro di due generazioni, fino a suo nonno, ai tempi autista della storica Liss Ard House di Sligo che era "affascinato dai motori, dal vapore e da tutto ciò che è meccanico" e che nel 1912 fondò questa casa termale con bagni di alghe.

    Edward può anche guardare al futuro grazie a Cain - un ex surfista professionista e più volte campione nazionale che è a capo del raccolto di alghe per la casa termale - e a suo nipote Finn, 14 anni appena, che si sta già interessando attivamente all'azienda a conduzione familiare.

    cain kilkullen, enniscrone, sligo cain kilkullen, enniscrone, sligo

    Cain Kilcullen raccoglie alghe a Enniscrone, contea di Sligo

    Raccogliere alghe per la casa termale

    Fai una passeggiata sul molo di Enniscrone con la bassa marea nella maggior parte dei giorni e vedrai Cain sul suo trattore a metà costa. È lì per raccogliere grandi quantità di fucus serattus, utilizzato nella casa termale di famiglia da oltre 100 anni.

    Cain raccoglie quel che serve quotidianamente per lo stabilimento, che in un giorno affollato può arrivare a un quarto di tonnellata. Sembra molto, ma Edward fa notare che in proporzione alle risorse abbondanti presenti in natura, è una quantità relativamente piccola.

    cain kilkullen, enniscrone, sligo cain kilkullen, enniscrone, sligo

    Cain Kilcullen fa surf a Enniscrone, contea di Sligo

    Tutt'uno con il mare

    "Va bene per Cain", dice suo padre. "È tutt'uno con il mare. Conosce perfettamente le maree. Infatti, quando la marea è calante, le onde non sono particolarmente buone, ma poi quando arriva la spinta e l'onda si solleva, lui è pronto a fare surf."

    Una volta che le alghe compiono il loro breve tragitto fino alla casa termale, Edward spiega: "Le confezioniamo nell'equivalente di un secchio da 14 litri, le colpiamo con un rapido getto di vapore per liberarne gli alginati e le buttiamo direttamente nel bagno con acqua di mare riscaldata."

    Il risultato è l'esperienza autoctona irlandese analoga a quella di una spa che lascia la pelle morbida e setosa, tradizionalmente apprezzata come cura per dolori reumatici e muscolari.

    Enniscrone, contea di Sligo

    Da sinistra a destra: Kilcullen's Seaweed Baths; Edward Kilcullen; Fucus serratus; gli Old Cliff Baths

    La moda delle alghe

    Quando il nonno di Edward aprì l'attività dei bagni di alghe, questa era in piena espansione già da qualche tempo.

    "Verso la metà del XIX secolo il nostro proprietario terriero nella zona, Christopher Guy-Orme, iniziò a fare i bagni di mare, che era diventato di moda da quando il Principe reggente aveva iniziato a farli." Edward indica gli Old Cliff Baths arroccati più avanti lungo la diga.

    Qui costruì un piccolo edificio di due camere con una caldaia e un bagno, così quando tornava dalla nuotata, qualcuno gli aveva già preparato un bel bagno caldo. In origine questa era solo una struttura privata, ma intorno al 1870 la affittò a una famiglia locale che la ampliò in una casa termale offrendo agli intrepidi bagnanti bagni di acqua marina calda dopo la loro nuotata."

    Enniscrone non era l'unica ad offrire questa duplice attività di nuotate in acqua fredda seguite da bagni caldi, e l'aggiunta di alghe fresche divenne presto un must.

    "Alla fine dell'epoca vittoriana vi erano bagni di alghe nella maggior parte dei resort tradizionali: qui a Enniscrone, a Strandhill (contea di Sligo), a Bundoran (contea di Donegal), a Portrush (contea di Antrim). Mio nonno arrivò come neofita qui nel 1912".

    Kilcullen family Kilcullen family

    Quattro generazioni della famiglia Kilcullen all'esterno del loro stabilimento per bagni di alghe di Enniscrone, contea di Sligo

    Il periodo d'oro delle alghe

    Quattro generazioni dopo, la Casa termale di Kilcullen è ancora in fermento e il suo fascino si è evoluto nel corso degli anni.

    "Tradizionalmente erano gli anziani di campagna a venire qui una volta completato il raccolto, dopo che era finito il loro periodo di superlavoro", racconta Edward. "Era una sorta di panacea per i sintomi dei reumatismi e dell'artrite, per dolori di varia natura e alle ossa".

    I vacanzieri, invece, venivano a Enniscrone prima degli anziani contadini. "Ogni casa del villaggio li ospitava, e anche nelle case comuni gli abitanti si trasferivano in capanni per lasciare spazio agli ospiti. È stata una importante fonte di guadagno dai primi anni del 1900 fino agli anni '60."

    Dalla panacea per tutti i mali a una vita sana

    Nel momento di massima espansione c'erano diverse centinaia di bagni di alghe lungo la costa irlandese: se ne contavano nove nella sola Sligo. Quando è stato il turno di Edward di assumere il controllo dell'attività, tuttavia, i tradizionali resort costieri erano in concorrenza con l'Europa continentale, resi accessibili da migliori collegamenti di viaggio, e i bagni di alghe erano stati considerati un po' antiquati. "Nel 1989, nel Paese ne rimanevano solo due", ricorda.

    Riluttante a voltare le spalle alla sua straordinaria eredità ("eravamo i più antichi, e gli unici ad aver affrontato e superato momenti difficili"), Edward investì in una ristrutturazione. Il suo tempismo si dimostrò perfetto.

    "Le persone iniziavano a interessarsi a terapie alternative, ad alimenti salutari e a stili di vita sani. Ci siamo inseriti in quella corrente e tutto è andato per il verso giusto".

    Kilcullen Seaweed Bath Kilcullen Seaweed Bath

    Bagno di alghe e bagno di vapore al Kilcullen's Seaweed Baths di Enniscrone, contea di Sligo

    Acqua di mare riscaldata

    Edward ripulì le stanze originali e in ogni stanza aggiunse una copia delle scatole in legno per il vapore del XIX secolo, in modo che i bagnanti potessero alternare bagni in vasche smaltate, scatole per il vapore e docce calde o fredde.

    "Continuiamo a operare come abbiamo sempre fatto", racconta orgoglioso. Aspirano ancora acqua di mare durante l'alta marea sul tetto piatto per riempire le grandi vasche aperte da 45 litri. L'acqua di mare viene ancora riscaldata indirettamente con il vapore prima di riempire le singole vasche da bagno smaltate come necessario. E le alghe vengono ancora raccolte a mano in modo sostenibile dallo stesso tratto di costa, ancora dopo tutti questi anni.

    Tile detail in Kilcullen Seaweed Baths Tile detail in Kilcullen Seaweed Baths

    Mosaici ai Kilcullen Seaweed Baths di Enniscrone, contea di Sligo

    Affrontare le docce fredde

    "Abbiamo frequentatori abituali che arrivano su base settimanale da 50 miglia di distanza per fare i bagni di alghe. Sentono che fanno loro bene". Mentre Edward sostiene che "è difficile definire con precisione l'aspetto scientifico", gli effetti collaterali positivi sono generalmente attribuiti alla combinazione di alghe e acqua di mare ricca di iodio. "La teoria è che si assorbe una certa quantità di iodio attraverso la pelle se si trascorre abbastanza tempo nel bagno", sottolinea Edward.

    La texture oleosa e setosa delle alghe ricche di alginati è anche ricca di iodio, calcio, magnesio, vitamine E ed F e, per coloro che hanno il coraggio di osare, si consiglia di alternare le temperature tra calda e fredda. "I più coraggiosi qui insistono per fare poi la doccia fredda, e le loro grida e urla non hanno prezzo".

    Bagni di alghe in Irlanda

    Da sinistra a destra: Bagni di alghe lungo la Wild Atlantic Way; Cliff House Hotel, contea di Waterford; Ice House Hotel, contea di Mayo; Voya Seaweed Baths, contea di Sligo

    Guidare una rinascita

    I bagni di alghe stanno godendo di una rinascita nella moderna Irlanda, ed Edward è ben lieto di sostenere questa attività. "Molte persone sono venute a imparare come si fa prima di aprire i propri bagni di alghe. Più sono, meglio è".

    Esistono ora dei bagni di alghe dedicati dall'Helvick Head nel sud-est di Waterford a Ladies Beach a Ballybunion, nella contea di Kerry, fino a Bundoran nella contea di Donegal. Puoi scegliere tra un bagno di alghe lungo il litorale in una vasca mobile ricavata da una botte di whiskey, grazie ai Wild Atlantic Seaweed Baths che si spostano in varie località, oppure un bagno privato di alghe nel comfort della spa del tuo hotel o della tua camera come a The Twelve a Galway.

    Voya Seaweed Bath, County Sligo Voya Seaweed Bath, County Sligo

    Voya Seaweed Baths, Strandhill, contea di Sligo

    Salire di livello

    Appena fuori dalla cittadina di Sligo, nel famoso villaggio di Strandhill noto per il surf, Voya Seaweed Baths offre un'esperienza unica all'interno di un'elegante spa moderna con luce soffusa ed esclusivi prodotti di bellezza. La sua consociata Voya Beauty ha prodotto la prima gamma di cosmetici biologici a base di alghe certificati al mondo e ora è presente in molti dei migliori hotel, centri benessere e negozi in Irlanda, oltre ad essere esportata in Europa e negli Stati Uniti.

    I Voya Seaweed Baths sono stati aperti nel 2000 a Strandhill da Neil Walton, un ex triatleta professionista. Per prima cosa rimase affascinato dal potenziale per la terapia sportiva della talassoterapia negli anni '90, quando gli venne assegnata una borsa di studio sportiva di quattro anni al prestigioso Australian College of Physical Education al Sydney Olympic Park. Al suo ritorno in Irlanda andò direttamente ai bagni di Edward a Enniscrone per comprendere i vantaggi che le alghe avrebbero potuto apportare al suo regime per il recupero sportivo.

    "Sono rimasto assolutamente stupito da come mi sentivo dopo", mi racconta a distanza di diversi decenni, seduto all'esterno dei Voya Seaweed Baths dove degli operai sono impegnati ad ampliare la struttura per soddisfare la crescente domanda. Oggi i 40.000 visitatori annuali di Voya vanno da coppie che cercano un appuntamento per coccolarsi, ai monaci buddhisti del Cavan che credono negli effetti di radicamento dei bagni di alghe fino a gruppi sportivi ("runner, ciclisti, giocatori di calcio gaelico") che vogliono sostenere il recupero fisico dopo l'allenamento.

    Neil Walton Neil Walton

    Neil Walton, proprietario di Voya Seaweed Baths, a Strandhill, contea di Sligo

    Dalla scienza sportiva alle alghe marine

    Dopo la sua prima esperienza a Enniscrone, lo scienziato analitico dello sport che è in Neil gli ha fatto scoprire il potere delle alghe nell'accelerare il processo di guarigione nell'allenamento sportivo e ne è rimasto affascinato, tanto da farne una ragione di vita.

    "La pianta di alghe vanta la più alta quantità di micronutrienti rispetto a qualsiasi altra pianta del pianeta", spiega Neil, grazie al fatto di essere sommersa per la maggior parte della vita in acqua di mare ricca di nutrienti. Un immersione prolungata in acqua ricca di alghe consente alla pelle di assorbire parte di questa microalimentazione attraverso i pori.

    Uno dei nutrienti è lo iodio, che Neil afferma essere "fantastico per l'ipotalamo" che controlla il nostro sistema endocrino e coordina le funzioni del corpo per mantenere l'omeostasi durante il riposo e l'esercizio fisico.

    Così come i pori della nostra pelle si aprono in acqua calda, altrettanto fanno le alghe. "Si aprono esattamente come la pelle e gli alginati escono quasi come il sudore". Un'immersione a caldo in un normale bagno favorirà un certo recupero grazie al calore che viene convogliato nei muscoli dolenti. Gli alginati, inoltre, consentono al bagno di alghe di diventare abbastanza viscoso.

    "Così sarà possibile avere una migliore conduzione del calore, oltre ai benefici della microalimentazione e della qualità alcalina dell'acqua, che aiuta a contrastare l'acido lattico e a ridurre l'infiammazione in parti del corpo.”

    Streedagh Beach, County Sligo Streedagh Beach, County Sligo

    Strandhill, contea di Sligo © Fáilte Ireland

    Neil è anche un sostenitore dei vantaggi del controbilanciare gli ioni del corpo con carica positiva. "Nel nostro corpo sono presenti ioni positivi e negativi. Più sono gli ioni negativi, più sei sano; più sono positivi, più il tuo sistema immunitario è compromesso. L'acqua di mare e le alghe hanno una forte carica negativa, perciò quando si entra in mare o si entra in un bagno di alghe si cambia effettivamente la formazione della carica elettrostatica del corpo."

    Tutti questi micronutrienti rendono le alghe una preziosa risorsa naturale, motivo per cui Neil è attento a raccoglierle con metodi sostenibili che consentono una rapida rigenerazione nei loro siti di raccolta. Figlio del defunto orticoltore biologico Mick Walton, che ha battuto ogni record di vincita con i suoi ortaggi, Neil sa perfettamente quanto le alghe possano essere un fertilizzante naturale per il suolo.

    Come a Enniscrone, dove le alghe utilizzate nella Casa termale di Kilcullen vengono utilizzate come fertilizzante organico per il foraggio della fattoria di famiglia, anche le alghe utilizzate nei Voya Baths a Strandhill sono molto richieste dagli agricoltori e dai giardinieri locali.

    Serrated wrack seaweed Serrated wrack seaweed

    Quercia marina, Voya Seaweed Baths, Strandhill, contea di Sligo

    Una risorsa molto preziosa

    In effetti, molte delle comunità costiere e insulari lungo la costa sferzata dal vento della Wild Atlantic Way, avevano la radicata tradizione di usare le alghe come fertilizzante per l'agricoltura, il che consentiva loro di migliorare la produttività dei suoli poveri della costa occidentale così che potessero alimentarsi.

    Come afferma Edward Kilcullen, "le alghe erano considerate una risorsa molto preziosa per le fattorie" e la possibilità di accedervi era fondamentale. Documenti storici come le Griffith's Valutations, una valutazione delle proprietà nazionali effettuata negli anni '50 del 1800, dimostrano che le terre costiere avevano una valutazione decisamente più alta di quelle interne.

    Come per le altre preziose risorse del XIX secolo, anche questa venne gestita con cura dai locali proprietari terrieri. "Se uno di quei grandi cumuli di alghe si arenava a riva dopo una tempesta, alla gente veniva assegnata una determinata area lungo la spiaggia per raccoglierle.”

    Cucinare con le alghe in Irlanda

    Da sinistra a destra: alghe nel menu di Aniar, città di Galway; alghe selvatiche su Streedagh Strand; chondrus crispus © Shutterstock; raccolta di alghe con Irish Seaweed Kitchen, contea di Sligo

    Prendere il meglio delle alghe

    Un altro modo per assorbire i micronutrienti altamente concentrati delle alghe marine è mangiarle così come sono, o nel cibo. Parallelamente alla rinascita moderna del bagno di alghe marine, gli ortaggi marini edibili svolgono un ruolo sempre più importante nella moderna cultura gastronomica irlandese.

    Le alghe sono un pratico condimento nella cucina casalinga, nonché un ingrediente prezioso nel settore in rapido sviluppo degli alimenti funzionali, oltre a comparire nei menu, da quelli dei ristoranti raffinati a quelli dei caffè informali.

    Nel menù degustazione ispirato ai terroir dell'Aniar Restaurant di Galway, premiato con stelle Michelin, lo chef JP McMahon riesce ad abbinare le vongole all'alga pepper dulse e all'uva spina salata, o il formaggio affumicato alla saporita alga laminaria.

    All'Osta Café di Sligo, la chef e proprietaria Brid Torrades mescola le foglie fresche di insalata con giovani spaghetti di alghe e dulse e ricopre il tutto di nori (alghe marine) fritte ad aria, oppure utilizza la dulse per condire di tutto: dal chowder di eglefino affumicato ai brownies di cioccolato

    Quando gestiva Glebe House a Collooney negli anni '90, Brid amava usare il Chondrus crispus come stabilizzante naturale per la sua mousse di granchio fatta in casa che si ispira al tradizionale pudding di latte di Chondrus crispus in stile biancomangiare, che occupa il posto d'onore sul famoso vassoio dei dessert dell'influente ristorante irlandese Ballymaloe House che propone prodotti a km 0 nella contea di Cork.

    Mullaghmore Head & Classiebawn Castle, County Sligo Mullaghmore Head & Classiebawn Castle, County Sligo

    Mullaghmore Head e Classiebawn Castle, contea di Sligo

    Pani di alghe e raccolta di alghe

    A Eithna’s By The Sea di Mullaghmore, la chef Eithna O’Sullivan prepara ogni giorno un pane di alghe, insieme a delizie come le meringhe di cioccolato con nori e il suo famoso fish and chips, con merluzzo o eglefino avvolto in polenta di alghe stagionate e crumb di farina di riso.

    Non sono solo gli chef irlandesi a riscoprire le gioie di cucinare utilizzando le alghe commestibili. Nel 2009 Eithna ha contribuito a testare e sviluppare ricette per un libro di cucina innovativo pubblicato da un medico locale e da un esperto raccoglitore di alghe, la dottoressa Prannie Rhatigan.

    Molte delle giornate d'infanzia più felici di Prannie sono quelle trascorse con suo padre raccogliendo le alghe selvatiche ed edibili che sua madre avrebbe poi inserito nella loro alimentazione quotidiana e, dopo aver completato la sua formazione medica ed essere tornata nella sua comunità costiera, Prannie è rimasta affascinata (sia pur lentamente) dalla scienza emergente relativa alle alghe che lei descrive come "centrali di nutrienti".

    Fautori delle alghe

    Da sinistra a destra: Eithna O'Sullivan, Eithna's By the Sea, Mullaghmore, contea di Sligo; Dott. Prannie Rhatigan, medico, raccoglitore di alghe e scrittore; piatti a base di alghe di Eithna's By the Sea; Mullaghmore Harbour, contea di Sligo

    I diversi tipi di alghe d'Irlanda

    Al largo delle coste dell'isola d'Irlanda sono state identificate oltre 500 grandi alghe marine, infatti le acque cristalline e fredde di Rathlin Island, sulla costa della contea di Antrim, producono alcune delle migliori alghe al mondo. Prannie identifica oltre 30 di questi tipi di alghe come adatte all'uso culinario, ciascuna con il proprio sapore, consistenza e composizione nutrizionale.

    Queste sono presenti nella sua guida laminata tascabile alle alghe commestibili, mentre i suoi due libri di cucina – Irish Seaweed Kitchen (2009) e Irish Seaweed Christmas Kitchen (2014) – presentano centinaia di deliziose ricette tradizionali e contemporanee di alghe per ispirare cuochi di casa.

    Prannie è una dei numerosi esperti che ora conducono regolarmente escursioni per raccogliere alghe lungo alcuni dei 1.450 km della costa irlandese. Il suo luogo preferito per portare le persone è Streedagh Strand, nei pressi di Grange, a nord della cittadina di Sligo.

    È una spiaggia resa famosa dai suoi relitti: con la bassa marea, le spoglie scheletriche del Greyhound di Whitby del XVIII secolo emergono dalle sabbie, mentre due relitti della sfortunata flotta dell'Invincibile Armata spagnola del 1588 giacciono sui fondali al largo, ma i veri tesori di questa spiaggia sono le alghe, dal calore del pepper dulse al saporito tartufo di mare.

    Streedagh beach, County Sligo Streedagh beach, County Sligo

    Streedagh Strand, contea di Sligo

    Alghe commestibili e sapori straordinari

    Queste passeggiate per raccogliere alghe si sono dimostrate popolari sia tra la gente del posto che tra i turisti, e Prannie ha notato un radicale cambiamento nella familiarità della gente con i diversi tipi di alghe commestibili e il loro uso.

    Le alghe stanno diventando sempre più un ingrediente quotidiano e ora il condimento di alta qualità di alghe essiccate, già lavorato e sapientemente mescolato, si può trovare nella maggior parte dei supermercati locali, raccolto in più di una ventina di siti di acquacoltura di alghe con licenza lungo la costa irlandese.

    La maggior parte di questi siti sono piccole attività a conduzione familiare, e molti sono ora di seconda generazione. Manus McGonagle di Quality Sea Veg è cresciuto raccogliendo alghe marine con suo padre al largo della costa del Donegal a Burtonport. "Ero solo un bambino quando mio padre mi portò per la prima volta a raccogliere alghe alla fine degli anni '60 in una "flat", una delle barche a remi a fondo piatto di 3,6 metri tipiche della zona", ricorda.

    Manus si è laureato in ingegneria e ha fatto ritorno al suo patrimonio di famiglia quando, alla fine degli anni '80, fondò la Quality Sea Veg per soddisfare le crescenti richieste di verdura marina in Irlanda ed Europa.

    Burtonport Harbour, County Sligo Burtonport Harbour, County Sligo

    Burtonport Harbour, contea di Donegal

    "Negli ultimi 10 anni le alghe sono entrate prepotentemente nell'alimentazione e le grandi multinazionali cercano le alghe irlandesi per la loro qualità", afferma Damien Melvin di Carraig Fhada nel West Sligo. Anche Damien porta avanti la tradizione di famiglia, avendo assunto il controllo dell'attività della raccolta delle alghe che suo padre Frank Melvin aveva iniziato alla fine degli anni '80. "Abbiamo fatto molta strada da quando una sola persona raccoglieva un po' di alghe e le vendeva nei negozi locali", racconta ridendo.

    Molte cose sono cambiate nel corso delle generazioni in Irlanda e l'uso delle alghe è stato altalenante, ma mantiene felicemente un posto di tutto rispetto nell'evoluzione delle comunità costiere uniche dell'isola.