Ops... Qualcosa è andato storto!

La mia Irlanda

Sei in cerca di ispirazione? Stai organizzando un viaggio? O desideri semplicemente vedere qualcosa di bello? Ti mostreremo un'Irlanda su misura per te.

FFFFFF-0 FFFFFF-0

    Scopri cosa l'Irlanda ha in serbo per te

    My Board

    Glens Walking festival Glens Walking festival

    A spasso con la gente del posto

    Mai lontana dai suoi scarponi da passeggio ben portati, Vanessa Harriss fa scalpore per la "magia pura, spontanea e senza pretese" di un festival irlandese del passeggio

    • #PasseggiateEdEscursioni
    • #Eventi
    • #PasseggiateEdEscursioni
    • #Eventi

    Vacanze escursionistiche, fatte. Escursioni guidate, pure. Mappa al rovescio e sguardo accigliato verso il cielo, ovvio. Sono tutte cose che conosco piuttosto bene. Ma i festival dell'escursionismo (un fine settimana lungo ricco di chiacchierate con la gente del posto e altri camminatori e serate al pub con questi nuovi amici)? I miei scarponcini da trekking non ne avevano mai visto uno. Al solo pensiero ho controllato di averli allacciati ben stretti.

    Un festival per ogni livello di preparazione

    È difficile immaginare un concetto più adatto all'Irlanda, con la sua campagna abbastanza selvaggia da soddisfare gli escursionisti ma anche relativamente impegnativa così da permetterti di conversare con gusto. Le chiacchierate con gli estranei sono un passatempo nazionale e i pub irlandesi sono invidiati in tutto il mondo. Nonostante sembri un'evoluzione naturale, questo concetto è presente in Irlanda da nemmeno 20 anni.

    Ma si è diffuso in un batter d'occhio e oggi ci sono circa 30/40 festival in tutta l'isola, più o meno grandi, per ogni livello di preparazione e forma fisica.

    Walking festival Walking festival

    La nascita dell'idea

    Il Ballyhoura International Festival, il capostipite di questa corrente, ha sede a Kilfinane, nella contea di Limerick, ed è il più grande. L'idea, secondo Jim Flynn del Ballyhoura Bears Walking Club, nacque da un'escursione del 1994 che ripercorreva la ritirata del signore gaelico O'Sullivan Beare nel 1602 attraverso i monti Ballyhoura. 

    "Gli escursionisti locali invitarono altri gruppi segnando la nascita dell'idea del festival. Oggi si tiene nelle giornate di festa nazionale a maggio e attrae turisti da tutto il mondo. Quest'anno ha visto la partecipazione di sei o settecento escursionisti provenienti da 26 Paesi" afferma Jim Flynn con un pizzico di orgoglio.

    Grandi appassionati

    Un certo Christopher Somerville, autore e corrispondente specializzato in escursioni per il quotidiano britannico The Times, è un grande appassionato del festival che definisce "uno dei pezzi forti delle escursioni irlandesi" e apprezza moltissimo i Ballyhoura Bears per la loro "meritata fama dovuta al perfetto mix di escursioni e craic [divertimento]". 

    Credo che facciano le cose come si deve: "Direi che la metà dei visitatori sia composta da habitué del festival", sorride Jim.

    Un festival speciale

    Con diversi tipi di terreni su cui mettere alla prova i miei scarponi da montagna, il Mourne International Walking Festival, che si svolge a giugno, propone lunghe passeggiate, un itinerario di alta montagna e una torbiera bassa a tappeto. Il tipo di campagna "da percorrere a piedi così da poterla ammirare. E in auto non puoi proprio apprezzarla", afferma Bernie Bogue di Cooneen Ramblers nel Fermanagh orientale. 

    Ian Reid di Cardiff partecipa al festival da cinque anni e afferma: "In parte sono lo splendore delle Mourne e il periodo dell'anno in cui si svolge a renderlo speciale, ma anche partecipazione di altri escursionisti aiuta. Assegnerei un punteggio di 10 su 10 per il cameratismo e il divertimento".

    La bellezza del West Cork

    Nel West Cork si svolge invece il Walking Talking Festival, anche questo con la sua schiera di appassionati... dall'altra parte del mondo: Richard Tulloch, in un articolo sul Sydney Morning Herald, scrive che la sua guida lo ha intrattenuto piacevolmente con "racconti spesso divertenti, più spesso tragici, ambientati in questo paesaggio" e ricorda che, quando si sono fermati in una fattoria per gustare del gelato fatto in casa, l'anziano agricoltore "ha iniziato inaspettatamente a cantare a squarciagola" una canzone sulla carestia per la gioia degli escursionisti. "Magia spontanea, pura e semplice!"

    Mi sembra giusto. Ok, dove sono i miei scarponi?