Belfast alternativa

48 ore per vivere la città 
SCORRI LA PAGINA VERSO IL BASSO PER VISUALIZZARE I CONTENUTI 

Ecco cosa vuol dire aver vissuto Belfast

Pensi di conoscere Belfast? Oppure non ci sei mai stato prima? In qualsiasi caso, preparati ad un tour vertiginoso della città. Dalla cima delle colline alle strade che ospitano i mercatini in città, osserva Belfast da una prospettiva diversa. Dimentica il taxi e opta per un tour in un tradizionale cab nero e incontra la gente che fa di Belfast la città piena di colore che è. Buon cibo, ottimi drink, passeggiate in bicicletta e concerti…hai 48 ore per vivere la città!

FA’ COME SE FOSSI A CASA TUA

Un venerdì sera a base di buon cibo, ottimi drink e musica dal vivo – dai sfogo alle tue energie nella città di Belfast

18.00 – Sei arrivato a Belfast, hai lasciato le valigie in albergo e ora cerchi un posto dove sederti e riposare un po'? Trovato! Quel posto non può che essere il Duke of York: i suoi interni superbamente decorati, i rari oggetti in esposizione e gli antichi specchi regalano una prospettiva unica sul passato della città. Questo pub tradizionale che si trova in fondo a una stradina in acciottolato è il luogo ideale per gustare il sapore autentico dell’Irlanda del Nord. Ordina un whiskey irlandese oppure una pinta di cremosa birra scura e fai due chiacchiere con gli studenti, con i tipi alla moda, i turisti e la gente del posto. É solo qui che prima o poi li incontri tutti! 

“Questa atmosfera accogliente è un esempio perfetto del caloroso benvenuto di Belfast.”
Duke of York

19.00 – Ti sei ambientato? Bene, allora è il momento di mettere qualcosa sotto i denti. Made In Belfast offre ingredienti semplici, quasi casalinghi, ma le ricette sono a dir poco internazionali: dagli hamburger australiani agli Smushi scandinavi, qui la carne è davvero saporita e, soprattutto, è tutta di provenienza irlandese. Dal cibo all’arredamento, dalla gente all’atmosfera, Made In Belfast non tradisce il suo nome.  

21.00 – Dopo aver gustato la cena è arrivato il momento di un concerto. Dirigiti verso il The Limelight in Ormeau Avenue: ci sarà la fila per il biglietto d’ingresso, ma d’altronde è normale per il locale più trendy della città! Qualsiasi concerto sia in programma, dal tipico sound vigoroso di Ed Zealous al rock alternativo dei Mojo Fury, non dovrai far altro che tenere ben stretto il tuo bicchiere e mischiarti alla folla.  

“Un club per niente pretenzioso, dall’atmosfera vivace.”
Limelight

23.00 – Concludi la serata con un finale in grande stile e trasferisciti al Love & Death, un cocktail bar in Anne Street. Ti ci vorrà un po’ per abituare gli occhi al buio e all’arredamento decisamente sopra le righe. Dalle biciclette che pendono dal soffitto alle lucine di Natale ai bicchieri tutti diversi tra loro, questo posto è pieno di bizzarre meraviglie. Dai un’occhiata al menu ispirato ai fumetti e scegli il tuo drink tra le 85 varietà a disposizione.  

COME ARRIVARE

  • L'aeroporto internazionale di Belfast si trova a circa 30 km dal centro della città: esistono voli diretti da Pisa e Roma a Belfast con Jet2.com
  • Belfast è anche facilmente raggiungibile dall'aeroporto di Dublino: con meno di 2 ore in pullman o macchina potrai raggiungere il cuore della città!
  • Se ti trovi già a Dublino, puoi raggiungere Belfast in treno, partendo dalla Stazione di Connolly Station

EVENTI DA NON PERDERE

  • Dal 16 ottobre al 1 novembre Ulster Bank Belfast Festival at Queen’s illumina la città con la sua festa di arte e cultura.
  • Dal 7 al 15 novembre il Sound of Belfast rende omaggio al mondo della musica e in particolar modo ai gruppi e ai locali musicali della città.  
  • A maggio il Cathedral Quarter Arts Festival ospita il suo consueto mix di eventi creativi.
Datti da fare

Cibo gustoso e cultura affascinante - Ecco gli ingredienti del tuo sabato pomeriggio a Belfast

9.00 – Comincia la giornata nel modo giusto al Café Conor. Originariamente questo era lo studio dell’artista locale William Conor, proprio a un passo dalla Queen’s University. É famoso per la sua colazione, la migliore d’Irlanda – l’Ulster Fry ti metterà di buonumore per il resto della giornata. Il bar è rimasto fedele alle sue radici ed espone opere di artisti locali contemporanei. É piccolo e molto popolare, perciò fatti largo tra la folla e lasciati conquistare.

Due uova fritte, soda bread alle patate perfettamente arrostito, incredibili salsicce di maiale, bacon croccante, black e white pudding ed un succoso pomodoro rosso.
Ulster Fry

10.00 – Il modo migliore per alleggerirsi della colazione è un rapido giro in bicicletta, che poi è anche il modo migliore per visitare la città. Lungo il fiume Lagan, dai giardini botanici alla zona dei docks la città mostra chiaramente il suo profilo. E i fiori, i giardini, le barche e gli uccellini lungo il percorso offrono più di una scusa per una foto ricordo. 

11.00 – Dalla bicicletta al taxi. Avventurati appena fuori dal centro per ammirare i famosi murales di Belfast dal sedile posteriore di un tradizionale cab nero. Il tour, ideato per offrire una rapida visione d’insieme della città, ti porterà dal passato più remoto al futuro più scintillante. Il tour dei murales è una prerogativa di Belfast, ma ciò che lo rende davvero speciale è l’interazione con l’autista. Grazie alla sua conoscenza del posto, alla sua travolgente simpatia e al suo accento autentico, ti farà letteralmente pendere dalle sue labbra.


“I murales non si vedono soltanto. Si sentono. Ognuno ha una storia diversa da raccontare.”
Joe McCollugh – autista di taxi

13.30 – Scendi dal cab a St Anne’s Square e dirigiti verso Coppi, un ristorante italiano aperto dal decano degli chef di Belfast, Tony O’Neill. Il nome deriva dal leggendario ciclista italiano,Angelo Fausto Coppi, e infatti una delle pareti del locale è letteralmente tappezzata di sue foto. Il Coppi serve i ‘cicchetti’, i tradizionali stuzzichini che si trovano in tutti i bar di Venezia. E mi raccomando, non dimenticare di assaggiare la bistecca alla fiorentina.

14.30 – Dopo pranzo, tutti al museo! A poco più di cent’anni dal varo della nave più famosa del mondo, il Titanic Belfast è diventato una delle attrazioni più popolari e coinvolgenti dell’Irlanda del Nord. Qui potrai esplorare il cantiere navale, viaggiare nelle profondità dell’oceano e scoprire la vera leggenda del Titanic, proprio nella città da cui tutto ebbe inizio. 


Istantanee

  • Il primo benvenuto a Belfast lo riceverai ancora prima di essere atterrato all’aeroporto cittadino. Affacciati al finestrino e ricambia il saluto di Sansone e Golia, le famosissime gru gialle dei cantieri navali.
  • Avvicinati ancora un po' al Big Fish e scopri cosa c’è scritto sulle mattonelle in ceramica.
  • Se Pisa ha la Torre Pendente, Belfast ha la Torre pendente dell’Orologio! – Immancabile una fotografia dell’Albert Clock. 

Musei da non perdere

  • Torna indietro nel tempo e scopri come si viveva più di cent’anni fa grazie all’Ulster Folk and Transport Museum
  • Osserva da vicino i dinosauri e scopri i capolavori dell’arte moderna all’Ulster Museum (ingresso gratuito)
  • Guarda la città attraverso gli occhi dei fotografi le cui opere sono esposte presso la galleria di fotografia contemporanea Belfast Exposed
Vivi la notte

Un sabato sera tradizionale con un tocco di modernità - fino alla domenica

16.00 – É ora di riposarsi un po’. Trova un posto a sedere nel The Crown Liquor Saloon, un pub tradizionale amatissimo per il suo mix eclettico di birre e classico cibo da pub. Con i suoi dieci salottini privati che ancora conservano le originali piastre di bronzo usate per accendere i fiammiferi, l’antica  campanella per richiamare l’attenzione del personale e le lampade a gas originali che pendono dal soffitto, questo pub è un vero gioiello.  

18.00 – Dopo una giornata di cultura e conversazione, si è fatta ora di cena. Il Mourne Seafood Bar è una vera istituzione tra la gente del posto, e serve pesce fresco proveniente direttamente dai porti di Annalong e Kilkeel. Se ti piace sperimentare, ordina la birra scura artigianale che producono qui: una pinta della tradizionale Mourne Irish è un tripudio di sapori – perfetta per accompagnare un piatto di ostriche.  

“Il cibo è sempre spettacolare – soprattutto le ostriche.”
MOURNE SEAFOOD BAR

Questo è il Cathedral Quarter, il cuore della città, il luogo ideale per divertirsi e per dedicarsi al tradizionale giro dei pub. Ed è proprio qui che si trovano alcune delle strade più antiche e più incantevoli di Belfast.

“Il Cathedral Quarter è la zona più vivace della città.”

20.00 – Prima tappa, Aether & Echo. Immagina lo charme parigino di fine secolo scorso: questo bar è destinato a diventare un’istituzione in città. Mustacchi, berretti a coppola, gilet e bretelle... in quanto a ricercatezza, questo bar non si fa mancare niente.  

21.00 – Seconda tappa, The Hudson Bar, proprio dietro l’angolo. La sua insegna recita ‘Whiskey, Birre e Disco’, e, onestamente, c’è bisogno di aggiungere altro? Questo è un  ritrovo frequentato da gente dai gusti un po’ alternativi, mentre per qualcosa di più tradizionale c’è il John Hewitt. Qui il concerto è offerto dai clienti abituali del locale, che si portano gli strumenti da casa e si esibiscono in vere e proprie jam session. Il compenso? In pinte di birra!  

22:30 – Dal vecchio al nuovo. Il Dirty Onion è il pub perfetto per questo tipo di transizione. Si trova nell’edificio più antico di Belfast, risalente al 1780. Con la sua caratteristica struttura esterna in legno, i soffitti bassi e i muri di vecchi mattoni, il pub ha un tocco moderno che però rende allo stesso tempo omaggio al passato. A un tiro di schioppo c’è il National Grand Bar. In precedenza ospitava il quartier generale della National Bank of Ireland, ed ora è il pub con il più grande spazio all’aperto di Belfast.

00.00 – É ora di andare a dormire, ma non prima della tappa finale. Il Menagerie è un’eccentrica enclave bohemien di proprietà del famoso DJ e produttore musicale David Holmes, originario di Belfast. A prima vista sembrerebbe una costruzione abbandonata, ma chi la conosce sa che si tratta di ben altro. Proprio come ci si aspetterebbe da una delle personalità più influenti della città, qui i migliori DJ del mondo suonano la musica più all’avanguardia. Il Menagerie è una realtà alternativa per gli hipster, dove la musica è la sola cosa che conta. Perciò fatti un po’ di spazio, agita le braccia in aria come gli altri e concludi la serata con una nota di eccentricità.

Pub e locali

  • Ascolta le migliori band locali immerso nella calda atmosfera di un pub tradizionale al McHughs
  • Rilassati e osserva il microcosmo che ti circonda al 21 Social – il posto ideale dove gustare un  buon drink e ballare
  • Pomeriggi rilassanti o serate animate: trova un posto a sedere al Lavery’s, il più antico pub a conduzione familiare di Belfast

Musica live

  • Musica dal vivo, comici emergenti e serate di salsa – il Belfast Empire offre intrattenimento per tutti i gusti
  • Se ha a che fare con l’arte, lo trovi al Black Box, vivace locale nel cuore del Cathedral Quarter di Belfast
  • Registrazioni dal vivo, concerti ed eventi: l’Oh Yeah Music Centre è l’epicentro della scena musicale nord irlandese
Tutto o niente

Shopping, passeggiate e chiacchiere - É l'ultimo giorno, perciò rendilo speciale

9.00 – Sveglia! É ora di colazione. Fai una sosta da Harlem, un eccentrico locale accanto alla storica Ulster Hall. Dai tavolini di vetro decorati con stelle marine, alle pareti completamente tappezzate di quadri e fotografie, Harlem è più di una caffetteria o di un bistro con velleità artistiche – è proprio un’opera d’arte. Con i suoi prodotti locali e l’atmosfera accogliente, l’Harlem café non è che un piccolo esempio della Belfast entusiasmante di oggi.

“Continuano ad apparire sempre cose nuove. L’altro giorno ho visto una testa di cavallo di vetro sopra il frigorifero. Non ho idea da quanto tempo fosse lì.”
JONATHAN BEER, CAMERIERE

10:30 – Dopo colazione fa bene sgranchirsi un po’, magari con una escursione fino a Cavehill, a pochi chilometri dal centro della città. La cima della collina offre una vista spettacolare su Belfast e sul Lough fino alle Mourne Mountains. Si dice sia questo paesaggio ad aver ispirato I Viaggi di Gulliver di Jonathan Swift, perché Cavehill assomiglia proprio a un gigante addormentato che protegge la città.  


13.00 – Passeggia lungo le corsie del St George’s Market, e ammira i venditori locali che esaltano le meraviglie dei loro articoli artigianali. Tra macchine fotografiche, vestiti, candele e torte non avrai difficoltà a trovare il souvenir giusto da portare a casa. Fermati un attimo: tutto intorno risuonano le note della musica dal vivo, in mano hai un delizioso Belfast bap….non ti sembra di conoscere Belfast da sempre?


Il Migliore Mercato Coperto del Regno Unito nel 2014
ST. GEORGE'S MARKET
“Mi ci sono voluti circa sei mesi per affinare la tecnica. Prima di allora ogni anello assomigliava a una moneta da 50p.”
Brendan Cosgrove

15.00 – Dopo pranzo lanciati in un tour della musica alternativa assieme a Terri Hooley –  sempre che tu riesca a trovarlo! Hooley è un personaggio famosissimo nel panorama musicale nord-irlandese ed è conosciuto come il padrino della musica punk a Belfast. Murali, pub, targhe commemorative e vicoletti – il suo tour ti condurrà lungo le strade meno conosciute della città dove ascolterai storie personali e bonarie invettive dalla viva voce della gente. E, facci caso, qui tutti chiamano Terry per nome.

“Negli anni '60 la città era così piena di colore. Ed è così che sta tornando ad essere.”
Terri Hooley

16 – Ce la fai a fare spazio per qualcos’altro? Che ne dici di MAC, il centro per le arti più nuovo di Belfast? Nel cuore del vivace Cathedral Quarter il MAC è un imponente e singolare edificio contemporaneo dove la musica, il teatro, la danza e l’arte diventano un tutt’uno.  Ecco, ora siediti, goditi un caffè e magari anche un dolcetto: la tua avventura a Belfast termina qui.

Altre idee

  • Monta in sella alla bici a Davagh, Rostrevor o nella Castlewellan Forest
  • Scopri di persona il potere della natura grazie allo Strangford Sea Safari
  • Tuffati nella bellezza della costa nord-ovest dell’Irlanda del Nord con il Wild Geese Skydive
Belfast... Missione compiuta

48 ore ed è fatta - Ricominciamo?