5 storie dal mare

Fai un respiro profondo – ci stiamo immergendo per riportare in superficie le storie del mare d'Irlanda

Dunbrody Famine Ship, County Wexford

Amore, morte e navi leggendarie – la costa dell'Ireland’s Ancient East ha tantissime storie di mare da raccontare

1 Una fortezza sul mare

Cominciamo sulla terraferma al Camden Fort Meagher. Dal 1550 controlla e protegge l'ingresso al Cork Harbour come un gigante. Nel corso degli anni questo avamposto di difesa è cresciuto sia in superficie, che... sottoterra. Attualmente oltre metà di questa imponente struttura militare è sotterranea, inclusa una serie di gallerie e di scale a spirale, una delle quali ricavata dal granito scintillante. Pur se queste sale ora sono silenziose, vi echeggiavano le urla di terrore e le esplosioni dell'artiglieria ai tempi in cui i valorosi soldati difendevano la costa di Cork.

2 La Nave dei Sogni

Prima di partire per il suo fatale viaggio, il leggendario piroscafo Titanic fece un'ultima sosta a Cobh, Contea di Cork. La graziosa cittadina portuale sembrava minuscola rispetto alla gigantesca nave in attesa di riprendere il mare con i 123 nuovi passeggeri appena imbarcati. Nessuna delle persone rimaste sul molo augurando buon viaggio avrebbe potuto immaginare che la nave di lì a poco sarebbe affondata. La Titanic Experience Cobh ti porta in un viaggio virtuale nel passato di questo transatlantico, dalla prima alla terza classe e fino agli ultimi momenti del viaggio, quando i pochi fortunati riuscirono a mettersi in salvo sulle scialuppe...

3 Esodo

Affamati, spaventati e spesso soli – gli emigranti irlandesi costretti a partire durante la Grande Carestia del 1845-1852 andavano incontro a un futuro incerto nel Nuovo Mondo. Il viaggio transatlantico, che durava fino a sei settimane a bordo di quelle che venivano chiamate "casse da morto", era un'esperienza orrenda alla quale molti non sarebbero sopravvissuti. Per avere un'idea di cosa dovettero affrontare questi uomini e donne coraggiosi, sali a bordo della riproduzione di una nave di emigranti alla Dunbrody Famine Ship and Irish Emigrant Experience nella Contea di Wexford. Ascolta le storie delle condizioni difficili, della virulenza delle malattie e dei ratti che scorrazzavano a bordo delle navi, ma anche la storia di coloro che morirono e di quelli che invece ce l'hanno fatta. Terminata la visita, recati a Cobh per tributare il doveroso omaggio alla statua di Annie Moore sul lungomare, la prima emigrante ad attraversare i cancelli di Ellis Island a New York...

4 Esilio di massa

Per alcuni di coloro che lasciarono le coste d'Irlanda, partire non fu una scelta, bensì una punizione. Se è vero che l'Irlanda vide molti partire in cerca di una nuova vita, è altrettanto vero che altri vennero spediti all'estero in colonie di detenzione in Australia e nelle Indie occidentali. Le loro storie prendono vita nella Wicklow's Historic Gaol – dedica un pensiero a questi poveri reietti, spesso chiamati gli "irlandesi dimenticati":

5 "By Hook or by Crook" (Con qualunque mezzo)

Dobbiamo alla Hook Head Peninsula questa famosa espressione idiomatica – una volta Oliver Cromwell giurò di prendere la città di Waterford "by Hook or by Crooke": risalendo lungo la penisola, o passando attraverso il villaggio di Crooke relativamente vicino. Nota non solo per il nome, questa parte d'Irlanda è ricca di storia e di monumenti. Ricordiamo l'Hook Lighthouse, uno dei fari più antichi del mondo, che ha protetto il porto per oltre 800 anni. La Loftus Hall è uno dei siti più infestati dai fantasmi d'Irlanda, perché è stato visitato più volte dal diavolo in persona. E, lungo la costa della Penisola, l'imponente Duncannon Fort funge da bastione riparando la costa dal mare, dalle onde e da eventuali invasori.

Nessun risultato corrisponde ai criteri di ricerca immessi

Hai bisogno di un volo o di un traghetto?

Via mare o via aria, trova qui il miglior itinerario

Trova voli
Trova traghetti

Offerte

Mmh, non conosco questa e-mail. Riprova ad inserire il tuo indirizzo e-mail?